“Destra senza veli 1946-2017”

E’ arrivato il nuovo libro di Adalberto Baldoni.

Destra senza veli 1946-2017 racconta senza alcun infingimento la storia della destra in Italia. E’ un libro schietto perché è rigoroso nel descrivere gli avvenimenti, suffragati da testimonianze e documenti, svelando anche retroscena dalla nascita del Msi nel 1946 fino alla diaspora di Fratelli d’Italia e le altre sigle. Un percorso attraverso la politica dell’inserimento di De Marsanich e Michelini, la stagione della Destra nazionale, le vittime degli anni di piombo, la scissione di Democrazia nazionale, la scomparsa quasi contemporanea di Romualdi e Almirante nel 1988 che segna Continue reading “Destra senza veli 1946-2017”

Recensioni: Corriere della Sera, Libero, Destra.it, La Stampa, Il Tempo, Il Borghese, Il Giornale d’Italia, Adn Kronos, Il Mattino, Secolo d’Italia e altri

CORRIERE DELLA SERA, 11 agosto 2017

La recensione è firmata dal caposervizio cultura Antonio Carioti.

LIBERO, 28 maggio 2017

Il quotidiano Libero ha dedicato al libro di Baldoni quasi una pagina, curata da Alberto Busacca.

DESTRA.IT, 19 giugno 2017

La recensione di Marco Valle sul sito “www.destra.it”

C’era una volta la Fiamma. Il libro di Adalberto Baldoni. Da leggere

MARCO VALLE

Ecco un libro importante. Un libro serio. Un libro amaro. È la “Destra senza veli” di Adalberto Baldoni, giornalista di razza, storico puntiglioso, missino DOC. Per i sentimenti del “piccolo mondo antico” Adalberto è un camerata. Punto.

Il problema è che Baldoni non solo è un uomo intelligente e sensibile, un intellettuale di vaglia, ma è anche un ricercatore puntiglioso e attento. Una colpa “gravissima” per la galassia un tempo “nera” che della smemorataggine, del rimuovere, del conformismo ha fatto un’abitudine, un “non stile”.

Adalberto tutto ricorda e tutto scrive. “Destra senza veli ” racconta — fondendo, cosa rara, accuratezza e ironia, profondità e levità — 70 anni e più della destra politica italiana. Ecco allora le battaglie (innumerevoli), le vittorie (poche), le delusioni (tante), le illusioni (troppe), le fregature (costanti) del variegato mondo della Fiamma, dei missini, degli extraparlamentari, dei demonazionali, degli alleanzini ed eredi vari ed assortiti. Ecco, poi, i protagonisti di una vicenda tribolata e di un partito scassato, litigioso ma fiero. I segretari (veri o mancati): Pino Romualdi, il vero “padre” del MSI, Almirante, De Marsanich, Mieville, Massi, Michelini, De Marzio, Cerullo, Rauti, Mennitti, Fini. Poi gli intellettuali (tutti eliminati o blanditi): Siena, Erra, Massi, Petronio, Tarchi. E, ancora, i deputati, i “federali”, ma soprattutto i ragazzi di Trieste e Bolzano, il ’68, gli anni di piombo. E i morti. I nostri santi morti.

Adalberto tutto ricorda e tutto scrive. Senza sconti. Adalberto nulla dimentica e poco approva. In “Destra senza veli” vi sono ben elencati gli errori gravi del passato, le schifezze di ieri e le incertezze dell’oggi. Il tutto con giusta severità, imbarazzando, ne siamo certi, gli sciocchi che trimpellano tra anniversari e finte mostre, i necrofori che si autocommemorano, i reduci dell’ultima ora. I noiosi, i nostalgici (?) e i trombati non ancora rassegnati.

Al tempo stesso, Baldoni dipinge un affresco giottesco. “Destra senza veli” ricorda la padovana Cappella degli Scrovegni, una narrazione di emozioni, sentimenti, pulsioni vive, autentiche. Tinte forti. Pagina dopo pagina, capitolo dopo capitolo, il lettore ritroverà il senso e il perchè di questa lunga avventura, di questa ostinata battaglia tutta italiana. Di questa lunga e sofferta “rivolta ideale” in nome della dignità nazionale, della giustizia sociale, dell’anticonformismo. Della libertà.

Il MSI (e dintorni) fu un movimento di popolo vero e onesto. Purtroppo mal guidato da capitani poco coraggiosi, da tribuni callidi, miopi e giovanotti felloni. Grazie, Adalberto per avercelo ricordato.

 

LA STAMPA, 28 marzo 2017

La recensione di Fabio Martini sul sito de “La Stampa”

Quegli incontri segretissimi tra Almirante e Berlinguer

I due leader si vedevano di nascosto alla Camera il venerdì sera per scambiarsi informazioni sugli opposti estremismi. Nel libro “Destra senza veli” di Adalberto Baldoni scene e retroscena inediti di 70 anni di storia dal Msi ad An, fino all’ attuale diaspora

FABIO MARTINI
Sul finire degli anni Settanta, in gran segreto, Enrico Berlinguer e Giorgio Almirante – leader carismatici del Pci e dell’Msi – iniziarono ad incontrarsi: di solito il venerdì all’imbrunire, quando alla Camera dei deputati non circolava più

Continue reading Recensioni: Corriere della Sera, Libero, Destra.it, La Stampa, Il Tempo, Il Borghese, Il Giornale d’Italia, Adn Kronos, Il Mattino, Secolo d’Italia e altri

Prossime presentazioni: a Milano il 19 ottobre

A Milano il 19 ottobre

Prossimo appuntamento a Milano, giovedì 19 ottobre alle ore 18 presso l’Hotel dei Cavalieri (piazza Giuseppe Missori 1). Dibattito sulla Destra con Carla Spagnoli, Pietro Cerullo e Marco Valle. Sarà presente l’Autore.

Finalista al 50° Premio Acqui Storia nella Sezione Storico Divulgativa

Il libro di Baldoni è entrato nella cinquina dei finalisti della Sezione Storico Divulgativa del Premio Acqui Storia, il più prestigioso premio che riguarda i libri di carattere storico, divisi in tre sezioni: Storico Scientifica, Storico Divulgativa e Romanzo Storico. I vincitori della 50^ edizione del Premio, scelti da una giuria di lettori, saranno resi noti a settembre, mentre la premiazione si terrà verso fine ottobre.

Di seguito gli articoli pubblicati dal Secolo d’Italia e da La Stampa

“Destra senza veli” di Adalberto Baldoni finalista al Premio Acqui Storia

“Destra senza veli” di Adalberto Baldoni finalista al Premio Acqui Storia

14 luglio 2017
di REDAZIONE
Anche la storia del Msi è in ballo per aggiudicarsi la 50* edizione del Premio Acqui Storia, il più importante premio italiano riservato ai libri che si occupano di storia. Un Premio sempre più ambito (quest’anno 186 le opere in concorso) che gode anche di prestigio internazionale, nato nel 1969 per onorare il ricordo della “Divisione Acqui” e i caduti di Cefalonia nel settembre 1943. Il collega e amico Adalberto Baldoni con “Destra senza veli 1946-2017” (edizioni Fergen) è infatti stato scelto dalla giuria che lo ha votato nella cinquina dei finalisti nella sezione Storico-divulgativa. Un giusto riconoscimento alla validità dell’ampio lavoro con le sue 748 pagine che racconta senza alcun infingimento la storia della destra in Italia. Un libro schietto perché è rigoroso nel descrivere gli avvenimenti, suffragati da testimonianze e documenti, grazie anche alla ricerca certosina svolta da Baldoni negli ultimi trent’anni per rimediare all’incredibile assenza di un archivio storico ufficiale del Msi andato misteriosamente perduto nel tempo, svelando anche retroscena dalla nascita del partito della Fiamma nel 1946 fino alla diaspora di Fratelli d’Italia e le altre sigle. Un libro completo e illustrato (quasi 300 foto) con i risultati delle elezioni regionali e politiche, con tutti gli eletti missini per fornire un quadro generale del partito e delle sue diverse sfaccettature su tutto il territorio nazionale (per ogni deputato e senatore sono state riportate brevi note biografiche) e che dedica particolari approfondimenti sui settori del sindacalismo, la cultura (le riviste, i Campi Hobbit, le radio e la musica alternativa), l’impegno ecologico (dai Gre a Fare Verde) e lo sport promozionale del Cns Fiamma (oggi Asi). Un libro che ha venduto quasi mille copie ed è stato presentato in tutta Italia (e altre presentazioni sono previste in autunno, oltre a qualche appuntamento estivo come il raduno dei ragazzi di Gioventù Nazionale a Trevi). Nella sezione Storico-Divulgativa l’opera di Baldoni dovrà vedersela con (in ordine alfabetico) i libri di Renato Cristin (“I padroni del caos”, Liberilibri), Lorenza Foschini (“Zoè. La Principessa che incantò Bakunin”, Mondadori), Alberto Mazzuca (“Penne al vetriolo. I grandi giornalisti raccontano la Prima Repubblica”, Minerva) e Andrea Wulf (“L’invenzione della natura. Le avventure di Alexander von Humboldt, l’eroe perduto della scienza”, Luiss). Nella Sezione Storico Scientifica i 5 finalisti sono (sempre in ordine alfabetico): Paolo Buchignani (“Ribelli d’Italia”, Marsilio Editore), Marco Cuzzi (“Dal Risorgimento al Mondo nuovo. La massoneria italiana nella Prima guerra mondiale”, Le Monnier), Guido Formigoni “Aldo Moro. Lo statista e il suo dramma”, Il Mulino), Hubert Heyriès (“Italia 1866. Storia di una guerra perduta e vinta”, Il Mulino) ed Elena Aga Rossi (“Cefalonia. La resistenza, l’eccidio, il mito”, Il Mulino). Sei sono invece i finalisti nella Sezione più recente del Romanzo Storico: Franco Forte “Cesare l’immortale. Oltre i confini del mondo”, Mondadori), Valerio Massimo Manfredi (“Teutoburgo”, Mondadori), Rita Monaldi – Francesco Sorti (“Malaparte. Morte come me”), Baldini e Castoldi, Elisabetta Rasy (“Le regole del fuoco”, Rizzoli), Roberto Roseano (“L’ardito”, Itinera progetti) e Silvio Testa (“La zaratina. La tragedia dell’esodo dalmata”, Marsilio Editore). Per conoscere i vincitori occorrerà aspettare ottobre.

 

LA STAMPA del 13 luglio

Designati i sedici finalisti del Premio “Acqui Storia”: i vincitori saranno proclamati a settembre. Sono stati presentati 186 volumi

DANIELE PRATO
ACQUI TERME. Non sarà un’edizione qualunque, quella del 2017, per il premio Acqui Storia, tra i più importanti riconoscimenti europei dedicati a saggi e opere letterarie di carattere storico. Nato per ricordare la Divisione Acqui sterminata a Cefalonia nel settembre 1943, il premio compie 50 anni. In attesa di sapere quali saranno gli eventi organizzati per celebrare la ricorrenza, la segreteria ieri ha svelato l’elenco dei volumi finalisti di questa edizione.
«L’adesione registrata è stata alta – dicono dal Comune -, con 186 volumi presentati. Così, anno dopo anno, l’Acqui Storia si conferma meta ambita da autori ed editori. Negli ultimi anni in particolare, il numero eccezionale di opere partecipanti è la dimostrazione della serietà, dell’autorevolezza e della popolarità italiana ed europea acquisita dal Premio». I volumi sono stati esaminati e giudicati dalle giurie che hanno scelto i 16 finalisti: cinque nella sezione scientifica e in quella storico divulgativa e sei nella sezione dedicata al romanzo storico.
Per la sezione scientifica l’hanno spuntata Paolo Buchignani, con «Ribelli d’Italia», edito da Marsilio; Marco Cuzzi, con «Dal Risorgimento al mondo Nuovo. La massoneria italiana nella Prima guerra mondiale» (Le Monnier); Guido Formigoni, «Aldo Moro. Lo statista e il suo dramma» (Il Mulino); Hubert Heyriès, «Italia 1866. Storia di una guerra perduta e vinta» (Il Mulino); Elena Aga Rossi, «Cefalonia. La resistenza, l’eccidio, il mito» (Il Mulino).
Nella sezione storico-divulgativa, approdano alla finale i volumi «Destra senza veli 1946-2017. Storia e retroscena dalla nascita del Msi a oggi» edito da Fergen e firmato da Adalberto Baldoni; «I padroni del Caos» di Renato Cristin, edizione Liberilibri; «Zoè. La principessa che incantò Bakunin» di Lorenza Foschini, Mondadori; «Penne al vetriolo. I grandi giornalisti rievocano la Prima Repubblica» di Alberto Mazzuca, edizioni Minerva; «L’invenzione della natura. Le avventure di Alexander von Humboldt, l’eroe perduto della scienza» di Andrea Wulf, edito da Luiss.
Infine, ecco il sestetto dei finalisti nella sezione del romanzo storico, quella forse più apprezzata dal grande pubblico: Franco Forte con «Cesare l’immortale. Oltre i confini del mondo», Mondadori; Valerio Massimo Manfredi, «Teutoburgo», Mondadori; Rita Monaldi e Francesco Sorti, «Malaparte. Morte come me», Baldini e Castoldi; Elisabetta Rasy, «Le regole di fuoco», Rizzoli; Roberto Roseano, «L’ardito», Itinera progetti; Silvio Testa, «La zaratina. La tragedia dell’esodo dalmata», Marsilio.
I vincitori (per loro un assegno da 6500 euro) saranno svelati a settembre, insieme ai Testimoni del tempo, poi in autunno la cerimonia di consegna.

http://www.lastampa.it/2017/07/13/edizioni/alessandria/designati-i-sedici-finalisti-del-premio-acqui-storia-i-vincitori-saranno-proclamati-a-settembre-xRGdpv62Qzkey3mQjIL6LN/pagina.html

 

Per informazioni e organizzare presentazioni: tel. 335.811.50.68 (Federico)

Altre presentazioni: Firenze, Napoli, Latina, Roma Balduina, Roma Centro, Roma Aurelio, Roma Casilino…

Bellante (Teramo), 27 maggio; Latina, 26 maggio; Roma Balduina, 22 maggio 2017; Roma Centro, 18 maggio 2017; Firenze, 17 maggio 2017; Napoli, 11 maggio 2017; Roma Aurelio, 4 maggio 2017; Roma Casilino-Torri, 21 aprile 2017; Benevento, 10 marzo 2017; Roma Centro, 2 marzo 2017; Roma Montesacro, 11 febbraio 2017 e l’intervento di Baldoni a piazza Tuscolo il 31 gennaio 2017 Continue reading Altre presentazioni: Firenze, Napoli, Latina, Roma Balduina, Roma Centro, Roma Aurelio, Roma Casilino…

Le presentazioni del 2 marzo a Roma con Giorgia Meloni e del 10 marzo a Benevento

Giovedì 2 marzo a Roma è stato presentato da Giorgia Meloni il libro DESTRA SENZA VELI 1946-2017 di Adalberto Baldoni nel salone di Palazzo Ferrajoli, gremito di pubblico.  Le foto e l’articolo del Secolo d’Italia con il video degli interventi di Baldoni e della Meloni. http://www.secoloditalia.it/2017/03/presentato-destra-senza-veli-baldoni-lintervento-giorgia-meloni-video/  Continue reading Le presentazioni del 2 marzo a Roma con Giorgia Meloni e del 10 marzo a Benevento

Dove e come acquistare

“Destra senza veli 1946-2017” può essere acquistato

  1. tramite questo sito direttamente dall’editore, vai sulla pagina “PER ACQUISTARE” o leggi più in basso dopo l’elenco delle librerie;
  2. ordinato in ogni libreria in quanto inserito nel Catalogo generale dei Libri
  3. ordinato su alcuni siti come ibs.it, hoepli.it, libreriaeuropa.it, libreriauniversitaria.it, (ma non Amazon dove i libri vengono venduti anche a un prezzo maggiorato)
  4. nelle librerie, edicole, ecc. qui sotto riportati

Continue reading Dove e come acquistare

Per acquistare su questo sito

Un libro speciale a un prezzo speciale per celebrare l’anniversario dei 70 anni del Msi.

Adalberto Baldoni
DESTRA SENZA VELI 1946-2017
fergen
748 pagine – più di 250 foto – formato cm. 14,8×21

22 euro

Il libro DESTRA SENZA VELI  si può acquistare tramite pagamento anticipato a 22 euro oppure tramite contrassegno, pagando alla consegna 25 euro.

Continue reading Per acquistare su questo sito

INDICE DELLE FOTO

INDICE DELLE PAGINE ILLUSTRATE

Sono più di 250 le foto presenti in questo libro, radunate in apposite pagine. Le pagine non hanno un titolo proprio in quanto inserite nei capitoli cui fanno riferimento. Per cui in questo indice si è voluto indicare genericamente l’argomento trattato dalle foto.

CAPITOLO I

IL POSTFASCISMO                                                 p.  7

p.18 La nascita del Msi

CAPITOLO II

L’ORGANIZZAZIONE DEL MSI                            p. 28

p.30 Le prime iniziative del Msi  § p.38 La campagna elettorale del 1948 § p.52 Le amministrative 1951-52 § p.55 I primi caduti missini Continue reading INDICE DELLE FOTO

INDICE GENERALE DEL LIBRO

748 pagine, di cui 686 pagine di testo e 60 di indici, fra bibliografia, indice dei nomi (circa 3 mila) e indice generale.

PREFAZIONE di Gennaro Malgieri                    p.  I

RINGRAZIAMENTI                                                p.  5

 

CAPITOLO I

IL POSTFASCISMO                                                 p.  7

L’Italia del 1946 p.7 § Alle soglie della guerra fredda. Italia sotto protezione Usa: sovranità limitata p.8 § Il neofascismo clandestino. Pino Romualdi a capo del “Senato” p.9 § Il referendum del 1946, l’amnistia e il ruolo determinante di Romualdi p.11 § Con il Msi spenti i fuochi dei neofascisti clandestini e le mire dell’Uomo Qualunque p.13 § Archiviato il capitolo del fascismo. Msi partito postfascista e non neofascista p.21 § Evitata una strage nella sede milanese del Msi p.23 § I primi filoni culturali e i giornali della destra missina. Il ruolo di Rivolta Ideale p.24

Continue reading INDICE GENERALE DEL LIBRO

Per acquistare su questo sito

Adalberto Baldoni
DESTRA SENZA VELI 1946-2017
fergen
748 pagine – più di 250 foto – formato cm. 14,8×21

22 euro

Il libro DESTRA SENZA VELI  si può acquistare tramite pagamento anticipato a 22 euro oppure tramite contrassegno, pagando alla consegna 25 euro.

Pagamento anticipato (comprese spese di spedizione) 22,00 euro
Pagamento contrassegno (comprese spese di spedizione) 25,00 euro

Le spedizioni vengono effettuate tramite raccomandata o corriere.

PAGAMENTO ANTICIPATO:
a) bonifico bancario su c/c N 052870008900 intestato a fergen srl presso l’agenzia Roma 12 della Banca Sella
IBAN IT 46 H 03268 03212 052870008900
Dopo aver effettuato il pagamento inviare un’email all’indirizzo fe.gen@libero.it
specificando il giorno del pagamento, indicando il nome, l’indirizzo e un recapito telefonico, indispensabile per procedere alla spedizione.

b) versamento su postepay  5355 1710 0326 8097 intestata a Federico Gennaccari (GNNFRC66B25H501P). Dopo aver effettuato il pagamento inviare un’email all’indirizzo info@fergen.it o fe.gen@libero.it specificando il giorno e l’ora del pagamento, indicando il nome, l’indirizzo e un recapito telefonico, indispensabile per procedere alla spedizione.

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA:
è possibile anche l’acquisto tramite spedizione con pagamento in
contrassegno. Per poter usufruire di questo servizio inviare una email a
info@fergen.it o fe.gen@libero.it , specificando nome, indirizzo e anche un recapito telefonico, indispensabile per procedere alla spedizione.